Statistiche
Visite Oggi: 84
Visite Ieri: 125
Visite nel mese: 2639
Visite totali: 379981
Stats dal: 2002-01-01
Social
Home

EEE2008 - European Exchange Exhibition 2008

Villa Widmann a Mira (Ve)


L'EEE (European Exchange Exhibition) 2008 di Mira, il primo meeting europeo ospitato in Italia, e' stato il risultato di una preparazione durata piu' di un anno. Il meeting 2007 infatti, sempre ospitato nelle pertinenze della splendida villa Widman, era stato una sorta di anteprima, la prova generale di un evento che si voleva assolutamente all'altezza delle aspettative di tutti i visitatori che sarebbero intervenuti, indimenticabile! I numerosi volontari provenienti da tutta la penisola, con le loro inconfondibili magliette arancio, si sono quindi dati appuntamento il giorno prima dell'apertura del meeting per allestire gli spazi della manifestazione e tutte le aree di esposizione e accoglienza.

Vicino all'ingresso, nel grazioso campiello della villa che riproduce una delle caratteristiche e vivaci piazzette veneziane, su cui si affaccia persino un aristocratico ma accogliente caffe' rimasto aperto per tutta la durata del meeting, hanno trovato spazio prima di tutto la segreteria, primo punto di accoglienza dove il visitatore poteva ricevere informazioni e materiale divulgativo sul meeting, sulle piante carnivore e iscriversi ad AIPC. All'altro lato del Campiello erano schierati i tavoli dell'Associazione: accanto al caffe' la Banca Materiali, dove i soci hanno potuto rifornirsi del materiale necessario alla coltivazione, selezionato e messo a disposizione da Aipc; la Banca Semi, grande riserva di essenze e varieta' carnivore a disposizione degli iscritti; la Biblioteca, che oltre ai libri proposti da AIPC prevedeva uno spazio dedicato agli autori, che presentavano ed autografavano le loro pubblicazioni; quindi un Angolo di Benvenuto, piccolo ristoro con prodotti tipici offerti da tutti i soci agli ospiti del meeting. Infine, accanto alla rimessa delle carrozze d'epoca, il banco con le piante offerte dai soci e proposte da AIPC in cambio di offerte simboliche, un modo gradevole per tutti di procurarsi qualche bella pianta ed allo stesso tempo contribuire concretamente a sostenere l'Associazione.

Oltre il caffe', all'altro lato del complesso della barchessa (struttura tipica delle ville venete, ricovero delle barche dei proprietari) posto fra il campiello e la villa, sotto l'ampio porticato era allestito il ristoro dove volontari e visitatori hanno potuto gustare specialita' bavaresi godendosi la vista del parco e la compagnia dei pavoni bianchi che lo abitano.

Accanto alla segreteria si trovava l'ingresso della barchessa, che al pianterreno ospita un ampio auditorium dove si sono svolte le conferenze: piu' di cento persone, comodamente sedute su confortevoli poltroncine, hanno potuto partecipare alle numerose e interessanti proposte che il Meeting ha offerto.

Al primo piano erano invece sistemate le piante dell'olimpiade carnivora, uno dei tradizionali appuntamenti dei meeting Aipc: i soci hanno potuto iscrivere le loro piante piu' belle e sottoporle cosi' al giudizio del pubblico, degli altri soci e di una giuria di esperti.

Non sono mancati l'angolo dedicato ai terrari, deliziose composizioni naturalistiche che offrono spaccati di natura piu' o meno grandi, allestiti dai soci e trasportati a Mira con non poca fatica.

Infine, sempre nella sala al primo piano, un angolo dedicato alle altre Associazioni d'Europa, che hanno potuto proporre le loro pubblicazioni, i loro progetti, scambiare qualche chiacchiera costruttiva e proposte per il futuro "carnivoro" europeo, non ultimo presentare il Meeting EEE 2009, che si terra' nell'Orto Botanico di Ghent, in Belgio.

Lungo il viale che porta alle serre era stata allestita la grande tensostruttura dell'area mercato, sotto la quale i venditori, provenienti da tutta Europa hanno offerto le loro piante, carnivore e non, ai visitatori. Piante altrimenti introvabili nei normali canali di distribuzione hanno permesso a molti di arricchire la propria collezione. Grazie ai volontari sempre presenti e facilmente identificabili, il numerosissimo pubblico di appassionati ma anche di semplici curiosi ha potuto chiedere e scambiare tutte le informazioni utili a perfezionare la propria tecnica coltivativa, in uno spirito associativo davvero piacevole.

Piu' oltre, nelle antiche orangerie ristrutturate, ha trovato spazio l'esposizione delle piante dei soci, esemplari unici, tra i migliori presenti in Italia e non solo, regine delle loro collezioni personali. A dimostrazione della loro bellezza un continuo afflusso di pubblico ha costantemente riempito le strutture.


Venerdì

Il venerdi' il meeting ha aperto i cancelli al pomeriggio, e gia' c'era un discreto gruppetto che premeva per entrare e fare i primi preziosissimi acquisti, un timido guardarsi intorno ed entrare nell'ambiente, un saluto a destra e a manca, tra chi ancora arrivava e allestiva angoli di vendita e chi gia' saggiava l'ambiente e si e' fatta subito sera.

Dopo una doccia e un cambio veloce, neanche il tempo di rilassarsi un attimo e di nuovo tutti insieme a cena, in un'ampia pizzeria locale, approfittando della conviviale occasione per scambiare due chiacchiere, rinnovare amicizie, rivedere con tranquillita' molti visi amici o vedere finalmente coloro che si conoscevano solo di nome o attraverso la rete, una serata piena di aspettativa per l'indomani, ma anche ricca del piacere di essere finalmente giunti al dunque, tutti insieme, dopo tanto lavoro per organizzare il tutto, accogliendo gli ultimi arrivi con un continuo aggiungere sedie e tavoli. Decisamente un'altra bella opportunita', visto che alla fine, ormai tarda l'ora, qualcuno ancora tentennava all'idea di rientrare in albergo!


Sabato

La manifestazione pero' e' entrata nel pieno il sabato, oltre agli stand ed alle aree attrezzate a disposizione degli ospiti, era infatti in programma un fitto calendario di eventi. Prima di tutto le conferenze: al mattino quella di Jan Schlauer sulle "Specie rare di Utricularia in Europa", mentre al pomeriggio si sono svolte quelle di Andreas Fleischmann su "Le specie di Drosera del Venezuela - inclusa la recente scoperta D. solaris" e quella di Joachim Nerz sulla "Distribuzione del genere Nepenthaceae a Sumatra".


Le conferenze hanno visto una assidua presenza di tutti gli ospiti stranieri, in particolare il nutrito gruppo dell'Associazione tedesca non ha perso una parola, sicuramente aiutati dalla lingua inglese con cui i relatori (tutti e tre di origine tedesca) hanno presentato i loro lavori.

Sempre nel pomeriggio si e' battuta la prima delle due aste carnivore, uno dei momenti piu' attesi di ogni meeting, in cui gli appassionati si disputano, in una tenzone tanto spettacolare quanto esilarante, piante rare se non introvabili, offerte dai venditori presenti al meeting e dai Soci AIPC, e messe in asta dall'Associazione per finanziare le spese sostenute nell'organizzazione dell'evento. Imbattibile il mattatore della situazione, Andrea Amici, sebbene quest'anno abbia avuto un valido aiuto da piu' di qualche volontario particolarmente vivace; ne e' uscito uno spettacolo talmente coinvolgente che i numerosi ospiti stranieri, seppure non afferrando gran parte delle parole, non hanno lasciato un attimo l'area per non perdere un momento tanto piacevole.

Anche la sera del sabato ci si e' ritrovati alle 20 con una lunga teoria di vetture per recarci ad un altro ristorante della zona, dove offrire ai nostri ospiti e gustare tutti insieme la "Cena di gala", altra splendida e graditissima occasione di stare insieme in assoluta tranquillita', assaporando una serie di prelibatezze locali. Una cacofonia di lingue e di linguaggi offerti da piu' di 140 persone ha arricchito immensamente il nostro primo meeting europeo, dando spunto anche alle altre associazioni per i loro futuri incontri.


Domenica

La domenica mattina, all'apertura dei cancelli gia' un nutrito gruppo di persone premeva per partecipare, anche se un sole capriccioso non ha voluto donarci nuovamente lo splendido clima del giorno precedente. Ma l'entusiasmo ha facilmente superato anche la temperatura e le nuvole grigie, percio' si e' ripartiti con la passione che non manca certo nelle file di AIPC.

E' proseguito il ciclo delle conferenze: al mattino, Andreas Fleischmann ha affascinato la nutrita platea con una conferenza su "Zambia e Sierra Leone: Drosera, Utricularia, Genlisea e Triphyophyllum", seguito dall'esposizione del nuovo lavoro di Siegfried e Irmgard Hartmeyer, un notevole DVD presentato a Mira in anteprima; al pomeriggio Lorenzo Peruzzi ha offerto un interessantissimo lavoro sulla "Diversita' e distribuzione del genere Pinguicula lungo la penisola italica" ed infine Stewart McPherson ci ha deliziato con un lavoro sulle "Piante carnivore dimenticate".

Nel pomeriggio ha avuto luogo anche la seconda asta carnivora, altrettanto nutrita e interessante, dove un pubblico un po' piu' infreddolito non e' comunque mancato e non ha perso occasione di partecipare attivamente e con molta generosita'. Durante l'asta c'e' stato anche un momento di coinvolgimento "naturalistico" quando la Presidente di AIPC ha informato i Soci ed il pubblico del risultato di una delle ultime raccolte fondi dell'Associazione per la salvaguardia di un angolo di natura "carnivoro" in USA, offrendo a Stewart McPherson, in rappresentanza del Meadovwiev BRS , un simbolico assegno di 400 euro.

Dopo l'asta, e' proseguito l'interessamento del pubblico e degli ospiti del meeting nella sala conferenze con la premiazione delle piante dell'Olimpiade Carnivora e la consegna delle Menzioni speciali che i relatori delle conferenze sono stati chiamati a dare, scegliendo piante o composizioni che ritenessero a loro discrezione meritevoli, all'interno di tutta la manifestazione. A quel punto, pian piano si e' cominciato a vedere saluti e partenze, mentre l'ultima conferenza di McPherson chiudeva in bellezza la manifestazione.


GALLERY

Il meeting 2008 (152 immagini)

Facce da meeting (43 immagini)

Piante in EEE (2 immagini)


Documento a cura di Gianluca Bergamo e Giuseppe Agosti, gruppo Volontari AIPC
Foto di Pietro Grassi, Andrea Rivolta, Liana Guerra e Skyjack88 del forum Rexplants


Ultimo aggiornamento (Mercoledì 01 Aprile 2015 21:02)