Statistiche
Visite Oggi: 8
Visite Ieri: 198
Visite nel mese: 4498
Visite totali: 401670
Stats dal: 2002-01-01
Social
Home Concorsi

Testi di Alessandro Ferri
Foto di Silvia Luise

Mostra di piante carnivore

– 10  Giugno 2016 –

presso il Centro di Documentazione Ambientale di Cremona

La divulgazione è lo strumento più importante che l’Associazione può utilizzare per far conoscere le piante carnivore al mondo.

Dopo aver già organizzato due mostre di piante carnivore nello stesso luogo gli anni precedenti con un ottimo successo, la Dott.ssa Lucia Topi (bibliotecaria del Centro di Documentazione Ambientale di Cremona, CDA) ci ha chiesto se eravamo nuovamente disponibili ad organizzarne un’altra quest’anno e per la precisione il giorno 10 Giugno 2016, sempre al CDA di Cremona. Negli anni precedenti le mostre erano così organizzate: qualcuno di noi parlava per un’ora per introdurre ed esporre i concetti generali e i vari generi di piante carnivore; successivamente si lasciava che il pubblico potesse godere delle nostre piante ammirandole e fotografandole. Quest’anno abbiamo preferito fare una mostra senza l’introduzione iniziale in modo da poter stare a più stretto contatto con il pubblico. Ma partiamo dal principio…

Ore 17:00

Io (Alessandro Ferri, nella foto, a sinistra), Lucio Ghidoni (seduto dietro) e Roberto Espen (nella foto, a destra) ci ritroviamo a casa di quest’ultimo per scendere a Cremona con un’unica auto: quella di Roberto (un monovolume spazioso). Io arrivo con una SEICENTO della FIAT stracolma di sarracenie che toccano il soffitto interno dell’auto. Lucio porta il suo enorme Drosophyllum lusitanicum, le sue composizioni spettacolari di Cephalotus follicularis e qualche altra chicca. Carichiamo tutto sull’automobile di Roberto, scattiamo il selfie di rito e partiamo. Direzione: CREMONA.

 
Foto di gruppo prima della partenza

Subito dopo essere partiti ci mettiamo in contatto con gli altri amici (e soci) che ci aiuteranno ad allestire la mostra:

1) Daniele Righetti e Silvia Luise (non la famosa S. x moorei, ma la fidanzata in carne e ossa), che sono partiti da Milano, ora sono in coda e non sanno se arriveranno in tempo…Io li tranquillizzo dicendogli che intanto prepareremo tutto il resto;

2) Sara Battini e il moroso Emanuele sono partiti da Carpi e sono in viaggio;

3) Alessandro Arena, partirà appena finirà di lavorare a Milano;

4) Luigi Savani e Sergio Azzini da Ostiano saranno a Cremona a breve.

5) Marco Scotto e Paola ci dicono che arriveranno a mostra già iniziata. No problem.

Ore 18:00

Dopo 1 ora di autostrada arriviamo a destinazione. Come sempre la Dott.ssa Topi ci dà il caloroso benvenuto. Mentre Roberto fa due chiacchiere con Lucia, io e Lucio scarichiamo le piante e le sistemiamo, per ora un po’ a casaccio, nella sala in cui verrà allestita la mostra.

A nostra insaputa troviamo là anche un altro amico/appassionato/socio di piante carnivore: il grande Alberto Bossi. Ci salutiamo, e subito lo reclutiamo nel gruppo.

Dopo 10 minuti tutte le nostre piante sono pronte per essere posizionate sui tavoli. Ecco che ad un certo punto vediamo arrivare la magica Lancia Y di Daniele (il perché ho utilizzato la parola “magica” lo capirete a breve). Appena arriva si scusa del ritardo e io nuovamente lo tranquillizzo dicendogli che dobbiamo ancora finire di allestire e che comunque abbiamo tempo. Dopo aver salutato lui e la sua morosa, Daniele apre il baule della sua auto; a noi è venuto un colpo. Sembrava di essere di fronte al camioncino di Gert quando arriva ai meeting. Dentro lì c’era di tutto e di più. Io gli chiedo: “Ma è l’auto di Mary Poppins?”. Da quell’auto (UNA LANCIA Y) cominciano ad uscire decine di piante, tra cui sarracenie flave, leucophylle, e ibridi di circa un metro di altezza. Ad un certo punto vedo incastrata nell’auto una strana pianta e gli chiedo: “Ma è la Brocchinia quella?” e lui risponde fiero: “Certo!”. La tira fuori e come se nulla fosse mi dice: “È alta 1 metro!”. Io rimango a bocca aperta. Da quell’auto continuano ad uscire piante. Ora è la volta delle nepenthes, poi delle heliamphore ed infine delle Drosere e Dionee.

Bene, il colpo d’occhio alla mostra sarà garantito, ne sono sicuro!!!

Dopo aver aiutare Daniele e Silvia a scaricare l’auto e sistemato le piante dentro il CDA, sento una vocina femminile, con accento emiliano e R moscia: questa deve essere SARA! “Ciao Sara! Cos’hai portato di bello?”, io le chiedo. Lei ci saluta e, ridendo, comincia a farci vedere le sue chicche (che noi avevamo già visto durante gli incontri al Museo di Scienze Naturali a Brescia). Nel contempo arrivano anche Luigi e Sergio che con qualche pianta da esporre.

È quasi tutto pronto e le piante sono tantissime, ma cosa più importante, sono stupende e coprono quasi tutti i generi carnivori (mancavano all’appello “solamente” Triphyphyllum, Phylcopix e Roridula!!!). Sono sicuro che il pubblico rimarrà a bocca aperta.

Manca poco, pochissimo, la dottoressa Topi mi chiede se siamo pronti perché la folla è ansiosa di vedere le nostre piante dal vivo. Io sistemo gli ultimi vasi, posiziono gli ultimi dépliant e voilà…Ora tutto è pronto:

La mostra è aperta!

Il pubblico comincia ad aggirarsi tra i tavoli osservando le nostre piante e noi siamo lì pronti a saziare la loro sete di conoscenza e curiosità. Si rivivono le stesse scene e si rispondono alle stesse domande già sentite  durante i meeting e gli incontri a Brescia: “Ma cosa mangia? Sono Tropicali? Sono pericolose? Posso far chiudere la bocca?” ecc…

Ad un certo punto viene a darci manforte anche Marco ed Alessandro. Ora l’organico è al completo.

Intanto che noi spieghiamo e rispondiamo alle domande del pubblico, la vera Silvia Luise comincia a scattare foto. Eccone di seguito alcune con i protagonisti di questa stupenda serata!


Tutti a scuola del maestro Daniele


Il maestro dà spiegazioni agli alunni

 
Sara, bomba di felicità e di energia

 
Alessandro Ferri mentre dà spiegazioni al pubblico

 
Sergio ed un fotografo molto incuriosito dalle forme e colori delle nostre piante 


Roberto alle prese con il pubblico davanti alla composizione di Lucio

 
Sergio, Lucio, Sara ed Emanuele (dietro alla Nepenthes)

 
Roberto si è addentrato con delle persone in una foresta di Sarracenie

 
Le piante di Sara e, sullo sfondo, quelle di Lucio

 
Daniele e Marco 


Emanuele, ormai sfinito dalla lunga serata, insieme alla Dott.ssa Topi, Lucio e Marco

 
Le 3A: Alessandro, Alberto e Alessandro


Roberto e Luigi


Sergio, Lucio (il putto d'argento) e Luigi


Foto di gruppo (mancano i bambini che, data l'ora, erano purtroppo già andati a casa)

Ore 22:00

Dopo 3 ore cala il sipario sulla nostra mostra. Che dire: grandi soddisfazioni da parte di tutti (pubblico incluso) compresi morosi/e che non si sono annoiate per nulla, anzi…Fieri delle figura che hanno fatto le nostre piante, le riponiamo, come “piccole” opere d’arte, nuovamente nelle nostre auto cercando di utilizzare ogni singolo spazio disponibile, come se stessimo giocando a Tetris ma con un’ulteriore difficoltà: il buio della notte. Finito di caricare le automobili, ringraziamo la Dott.ssa Topi e i custodi per l’ospitalità. Saluto tutti gli amici venuti a darci una mano, sicuro che li avrei rivisti tutti a breve al Meeting Nazionale che si sarebbe tenuto a Mira (Ve) solamente 8 giorni dopo.

Si parte, si accendono i fari delle auto e, come l’esplosione di un fuoco d’artificio, ci dirigiamo in tutte le direzioni per raggiungere le nostre dimore/serre.

Ringrazio tutti quelli che hanno reso possibile questa Mostra. Alla prossima.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 31 Agosto 2016 13:32)